Un lavoro ...

Tanti sono i viaggi che è possibile fare con Gianni Rodari. Uno è quello che segue, gli altri fateli voi…

Da qualche centinaio di anni i pedagogisti vanno ripetendo che come non si può ordinare a un albero di fiorire, se non è la sua stagione, se non sono state create le condizioni adatte, così non si può ottenere alcunchè dai bambini per la strada larga dell'obbligo, ma bisogna per forza cercare strade meno agevoli, sentieri meno comodi. Ma i pedagogisti predicano e il mondo va per la sua strada. Il disprezzo per la teoria è antico quanto il proverbio secondo il quale " val più la pratica della grammatica". -
(Gianni Rodari "Libri di oggi per ragazzi di oggi" Conferenza tenuta a Napoli presso il Circolo della Stampa il 18 maggio 1967, ed. Il Melangolo 2000)

Se ancora Favoloso Gianni prende di testa, se resta nel cuore, se ancora evoca scenari di torte nel cielo e di giochi di parole con il prefisso arbitrario, allora vuol dire che certe antiche fatiche di biblioteche e scuole sono ben pagate. Anche se si riscuoterà nel futuro, perché la grammatica ha tempi lunghi e fiato da maratoneta; mentre la pratica praticona avrà pure il suo fulgido lampo a cielo aperto, ma si spegnerà di un fiato corto, corto…raggiungendo l'opposto dei buoni propositi

Ci sono tante maniere d'insegnare a leggere dopo il tramonto (tardivo) dell'antico e crudele : B e A, BA, C e A, CA…. ma ci sono anche molte maniere di far odiare i libri ai ragazzi…."
1) Presentare il libro come un alternativa alla tv.
2) Presentare il libro come un alternativa al fumetto.
3) Dire ai bambini di oggi che i bambini di una volta leggevano di più.
4) Ritenere che i bambini abbiano troppe distrazioni.
5) Dare la colpa ai bambini se non amano la lettura.
6) Trasformare il libro in uno strumento di tortura.
7) Rifiutarsi di leggere al bambino.
8) Non offrire una scelta sufficiente.
9) Ordinare di leggere.
più in generale, non c'è una presa di coscienza collettiva della società adulta nei confronti della società adulta nei confronti della società infantile…
(G. Rodari "Libri d'oggi per ragazzi di oggi" Conferenza tenuta a Napoli presso il Circolo della Stampa il 18 maggio 1967)

Il bambino è sempre un protagonista, senza enfasi predicatoria e senza retorica. Chissà quante volte li avrà osservati, viene da pensare. Non lo sappiamo, ma certo il suo Pioniere era un luogo di incontro di scritture, dove Rodari sperimentava una relazione alla pari che poi, nella Grammatica della Fantasia, sarà ancora più esplicita.

- "C'era una volta un bambino che si chiamava Carletto.
- Come me?
- Come te.
- Ero io
- Si, eri tu.
- Che cosa facevo?
- Adesso te lo racconto.

In questo dialogo classico tra madre e figlio c'è la prima spiegazione di quel bellissimo << imperfetto>> che i bambini usano per cominciare un gioco:
- io ero la guardia, e tu scappavi.
- Tu gridavi….
E' come un siparietto che si apre all'inizio dello spettacolo.
Secondo me nasce dritto dritto dall'imperfetto con cui cominciano le fiabe: << C'era una volta….>>….<< Ma le mamme ne approfittano a scopo didattico>>….. << Carletto era un bambino che rovesciava il sale …che non voleva mangiare il latte …che non voleva addormentarsi… >>.

Tra occhi curiosi e facce da diaboliche carognette si inala la narrazione fino ad evocare, tra le pieghe dei pensieri, luoghi nei quali Rodari sembra essere già stato, nei quali ci fa dare una sbirciata per far salivare l'acquolina e dirci: ora continua tu.

<< E' un peccato adoperare l'imperfetto delle fiabe e dei giochi a scopo predicatorio e intimidatorio. E' quasi come adoperare un orologio d'oro per fare buchi nella sabbia.
Carletto era un grande viaggiatore, faceva il giro del mondo, vedeva la scimmia i leoni….
- E l'elefante lo vedevo?
- Anche l'elefante.
- E le giraffe?
- Anche le giraffe.
- E il somarello?
- Certamente.
- E dopo?
Così mi sembra molto meglio. Il gioco rende immensamente di più se ce ne serviremo per mettere il bambino in situazioni piacevoli… So bene che il futuro non sarà quasi mai bello come una fiaba. Bisogna che il bambino faccia provviste di ottimismo e di fiducia, per sfidare la vita. E poi, non trascuriamo il valore educativo dell'utopia. "
Rodari -( Grammatica della Fantasia, introduzione all'arte di inventare storie, Ed. Einaudi 2001)

Un valore educativo a cavallo tra realtà immaginata e realtà desiderata

La scelta di Rodari di " mettersi al servizio" dell'infanzia risulta per più aspetti rivoluzionaria ( il riferimento è al periodo storico in cui Rodari esordisce come scrittore e poeta per l'infanzia), lo è sul piano di contenuti visto che le sue filastrocche e storie sono abitate dai personaggi della realtà di tutti i giorni ( pompieri, portinaie, bidelli, ecc.) o da figure di fantasia ( l'omino di neve, l'omino della pioggia, l'omino dei sogni ecc.).
Pino Boero - Carmine De Luca : Letteratura per l'infanzia

La lievità dei suoi scritti denuncia e ridicolizza con il peso di una scelta di valori chiara e trasparente, senza nascondersi dietro le "oggettività" dell'intellettuale: i problemi del lavoro, della povertà e dell'ingiustizia, ma anche quelli della scuola, dei genitori, piano piano dilatati fino a quelli del mondo intero. E qui, nel mondo intero, non c'è spazio per concedersi alla mielosità e alle sdolcinature di una lingua edulcorata perché nel mondo, purchè lo sai vedere, si viene sempre promossi.

>> segue >>

COMUNE DI ORTONA - BIBLIOTECA COMUNALE
CESIRA Centro Sistema Ragazzi del Sistema Bibliotecario Provinciale di Chieti

CENTRO STUDI GIANNI RODARI - ORVIETO